incroci on line

E IL CERCHIO DI ECO SI CHIUDE. COME UN “NUMERO ZERO”

Posted on: 14/01/2015

Umberto Eco, Numero zero (Bompiani, Milano 2015)

 

di Daniele Maria Pegorari

(autore de Il fazzoletto di Desdemona. La letteratura della recessione da Umberto Eco ai TQ, Bompiani)

 

Dopo la complessa operazione romanzesca del Cimitero di Praga, impegnativa e affascinante per la documentazione storiografica e ancor più per lo ‘scandalo’ filosofico che vi era sotteso, non era lecito attendersi dal settimo romanzo di Umberto Eco un ulteriore passo avanti nella sua riflessione sul conflitto fra realtà e costruzione di verità. La piacevolezza di quest’ultimo libro, insolitamente breve (circa 210 pagine), insolitamente semplice (solo otto personaggi, ma sono appena la metà quelli che effettivamente hanno una qualche consistenza) e ‘aristotelicamente’ compatto (quasi tutto si svolge in due mesi a Milano) consiste non più nel fascinoso turbine degli eventi, nell’ingranaggio complesso che mescola le memorie erudite e l’invenzione fantastica, e nemmeno nell’ammiccamento sornione alla letteratura di genere: solo un presentatore mainstream con la fama di ‘intelligente’ l’ha potuto definire, domenica 11 gennaio, «un giallo», e siccome non gli sembrava abbastanza, gli è parso ancora più ‘intelligente’ definirlo «un noir». No davvero, la piacevolezza di questo libro risiede piuttosto nella semplicità con cui solo un grande scrittore può permettersi di passare, diciamo, dall’enciclopedia all’epitome o, per approssimarci meglio alla tesi, dalla protesta per la fine di una ‘visione enciclopedica’ all’icastica messa a fuoco delle dinamiche attraverso le quali la conoscenza viene spappolata dall’informazione.

Così quel che nei precedenti libri era detto perlopiù allegoricamente in Numero zero (Bompiani, Milano 2015) viene raccontato a luce fredda, direttamente collocando la vicenda nella redazione di un quotidiano che non dovrà mai uscire, ma di cui si prevedono dodici numeri zero, appunto, cioè dodici prove mensili il cui unico obiettivo è spaventare i ‘salotti buoni’ per quello che il giornale avrebbe potuto essere. Ambientato nell’anno fatidico 1992 (l’anno zero, potremmo dire, della seconda repubblica, giacché siamo proprio all’inizio di Tangentopoli e delle peggiori stragi mafiose), il romanzo racconta come l’informazione non serva più a creare conoscenza, ma, semmai, a impedirla («i giornali non sono fatti per diffondere ma per coprire le notizie. Accade il fatto X, non puoi non parlarne ma imbarazza troppa gente, e allora in quello stesso numero metti titoloni da far rizzare i capelli, madre sgozza i quattro figli, forse i nostri risparmi finiranno in cenere, scoperta una lettera d’insulti di Garibaldi a Nino Bixio e via, la tua notizia annega nel gran mare dell’informazione», p. 173). Ancora una volta il lettore che ha seguito con attenzione tutto il percorso di Eco comprende che ‘in principio era Il pendolo di Foucault’, nel senso che il fuoco centrale di tutta la meditazione dello scrittore-filosofo alessandrino continua a muovere da lì, da quell’impossibile e geniale antiromanzo del 1988, con la sua mastodontica struttura a flashback, con la coppia di redattori (lì editoriali, qui giornalisti) che si infilano in un gioco più grande di loro, col più folle dei due che ci rimette la pelle, mentre l’altro rimane col terrore che adesso tocchi a lui e, per tentare di mettersi in salvo, che fa? Si rifugia in una casa di campagna (lì nelle Langhe, qui a Orta, ma si tratta sempre del Piemonte natio che nella topica echiana rappresenta il luogo della naturalezza e della fuga dall’orrore), protetto e condotto a più miti consigli dall’unica donna della storia, con un bel nome mitologico e pastorale, direi: Maia.

 Così si riconferma anche quest’altro e fondamentale topos della narrativa di Umberto Eco, dalla ragazza senza nome del Nome della rosa all’Ipazia di Baudolino, fino alla recisa rimozione della donna nel Cimitero di Praga: la figura femminile rappresenta invariabilmente la realtà, nella sua datità non negoziabile, nel suo buon senso connaturato e perciò nemico di ogni mistificazione. La giornalista Maia Fresia guarda da vicino il suo modello intratestuale, che ancora una volta è Il pendolo di Foucault, la cui principale figura femminile, Lia, è l’unica a non cedere all’idiozia del Piano per il controllo del mondo e a continuare onestamente il proprio mestiere di redattrice e compilatrice di enciclopedie. Anche Maia deve fare i conti con la follia complottistica di un collega, tale Braggadocio, cognome buffo ma, come spesso nel sistema onomastico di Eco, ricco di memorie letterarie.

Così si chiamava (dalla radice brag con l’aggiunta di un suffisso che insinuava allusioni all’ideal tipo dell’italiano secondo gli inglesi del Cinquecento) il personaggio che incarnava la millanteria nella Faerie Queene di Edmund Spenser (e val la pena far notare che la prima traduzione italiana integrale del poema di Spenser è apparsa solo tre anni fa, dopo oltre quattrocento anni, per lo stesso editore di Numero zero). Il Braggadocio di Eco, in effetti, è il più spaccone di questa raccogliticcia redazione, un pericoloso mix di cinica accettazione del giornalismo come mercato di informazioni e di percezione di sé come grande giornalista, e dunque né idealista come Maia (che sperava di lasciarsi alle spalle un passato di articolista di gossip per divenire giornalista d’assalto), né frustrato e rassegnato come Colonna, l’io narrante. Di tutta la finta redazione quest’ultimo è quello che ha il compito più sofisticato, una sorta di elevazione al quadrato della bugia: verrebbe pagato per scrivere un libro che racconti la storia della chiusura di questo quotidiano, ben sapendo che il suo fallimento è stato programmato dalla proprietà, ma dandone una versione opposta, che faccia del direttore e dello stesso editore due povere vittime di pressioni occulte contrarie alla libertà di stampa. Va da sé che l’autore ufficiale del libro non sarebbe comunque lui, ma il direttore medesimo.

Questa trouvaille varia con intelligenza un modulo già utilizzato da Eco, quello del libro scritto con presunzione di sistemazione storiografica, per rimettere insieme i brandelli di realtà secondo una superiore e sopraggiunta etica della verità. Il caso più prossimano è quello di Niceta Coniate in Baudolino che avrebbe dovuto scrivere la storia del protagonista, ma si rifiuta per ragioni ‘deontologiche’, allorché si rende conto che la sua fonte è del tutto inaffidabile. In Numero zero, invece, non ci possono più essere scrupoli.

Colonna è, infatti, vittima di una civiltà della comunicazione trionfante, in cui non c’è più distinzione fra l’informazione e la fictio, con reciproco danno; egli accetta di inventare informazioni con la stessa autonomia dal referente che è una prerogativa della narrativa (e per questo la giovane Maia, almeno vent’anni di meno, innamoratasi di lui, lo chiama spiritosamente ‘Tusitala’, soprannome di Robert Louis Stevenson in lingua samoa, che significa ‘narratore di storie’), ma in questo modo implicitamente predice l’involuzione della forma romanzo dell’ultimo ventennio, troppo contaminato con la ‘notizia’ per riuscire a fornire un punto di vista generale e sviluppare il piano dell’interpretazione più di quello dell’attualità. I consueti elementi della critica alla post-realtà, in questo pur breve romanzo, ci sono tutti, cominciando dalla defunzionalizzazione della notizia che, nella rapidissima obsolescenza impostale dall’attuale sistema editoriale, è già troppo vecchia se riguarda il giorno prima e, dunque, può ancora avere senso soltanto se riguarda il «Domani» (come la fittizia testata dovrebbe infatti chiamarsi): in tal caso l’informazione non coincide con la narrazione dell’accaduto, ma con l’ipotesi del futuribile, col possibile o addirittura solo con l’illazione, tanto più che, se lo scopo unico del giornalismo è divenuto la costruzione dell’opinione pubblica, quest’ultima è orientata dalla qualità linguistica della notizia, non dalla sua corrispondenza con la realtà. Il che equivale a dire, in termini più classici, che la comunicazione edifica la sua primazia sul piano della retorica, anziché su quello della persuasione.

Poi ci sono la crisi della responsabilità autoriale, la denuncia dell’economia finanziaria («“Ha i soldi per un’impresa del genere?” “Non faccia l’ingenuo. Stiamo parlando di finanza, non di commercio. Prima comperi, poi vedrai che i soldi per pagare arriveranno”», p. 25), gli stilemi propri del postmodernismo (nei momenti di maggiore sincerità Colonna non riesce proprio a esprimersi, se non tramite citazioni), l’inettitudine sentimentale (che fa sì che l’io narrante sia un uomo intimamente in fuga) e poi, soprattutto, l’esaltazione dell’ars combinatoria che, da tecnica adatta alla creazione letteraria e lecita all’interno di uno statuto di autonomia garantita dalla sospensione dell’incredulità, diventa un gioco pericolosissimo se applicato al flusso delle informazioni. «Only connect!», dice in esergo al romanzo Edward Morgan Forster, ma, se l’ossessione del collegamento, del rinvio, della relazione segreta, guida anche la ricerca delle informazioni, si fa presto a credere che non fosse Mussolini quello fucilato con la Petacci e che questo c’entri persino con l’attentato a papa Wojtiła. Con astuzia Eco si tiene sempre fuori dall’era di internet (e in tal senso anche questo romanzo è ‘storico’, poiché è ambientato fra aprile e giugno del 1992 e viaggia con leggerezza nei principali eventi accaduti in Italia fra il 1945 e i primi anni Ottanta, dunque un ‘altro mondo’), ma questa volta non possiamo aver dubbi circa l’inquietudine che l’autore prova dinanzi alle modalità della comunicazione contemporanea, dove per legare due fatti non è necessario che vi sia una relazione palese di causalità: basta che siano una accanto all’altra. A portata di link.

Annunci

7 Risposte to "E IL CERCHIO DI ECO SI CHIUDE. COME UN “NUMERO ZERO”"

Puntuale e lucido intervento, come sempre. Complimenti.
Enrico Castrovilli

L’ha ribloggato su RIDONDANZE.

Tutto Eco è sempre “meta” o “anti”. Anche la semiologia è meta o anti, non è mai adagiata sul mero dato o epifonema visibile!
La tua è una bella recensione Daniele, ad uno scrittore fra i più geniali viventi italiani.
Waldemaro Morgese.

Complimenti Daniele, sempre sollecito, perforante.

Recensione davvero accurata. Non se ne può più di leggere delle sorta di parafrasi dei libri invece che orientamenti alla formazione di un personale pensiero critico.
Grazie Pegorari, grazie Incroci,
Mariella De Santis

Non ho ancora letto il romanzo di Eco e mi propongo di leggerlo quanto prima. Ma le considerazioni qui sopra esposte appaiono in pieno apprezzabili, in quanto illustrano la continuità intenzionale nella esplorazione di Eco e nella ingegnosa, icastica sua rappresentazione letteraria di temperie storiche decisive e sfuggenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

«incroci» - semestrale di letteratura e altre scritture

direzione: Lino Angiuli • Raffaele Nigro • Daniele Maria Pegorari.

Acquisto e Abbonamento

Una copia: euro 10,00
Abbonamento annuale: euro 18

Modalità di acquisto:
- dal sito dell'editore (http://www.addaeditore.it/)
- versamento sul c.c. postale n. 10286706
intestato a: Adda Editore, via Tanzi, 59 - 70121 Bari

il nuovo numero di incroci

eventi: Dante, l’immaginario

disclaimer

Il blog ‘incroci on line’ non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità: per questo non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità degli articoli è dei rispettivi autori, che ne rispondono interamente.

Alcune immagini pubblicate nel blog sono tratte dal Web: qualora qualcuna di esse fosse protetta da diritto d’autore, vi preghiamo di comunicarcelo tramite l’indirizzo incrocionline@libero.it, provvederemo alla loro rimozione.

Al lettore che voglia inserire un commento ad un post è richiesto di identificarsi mediante nome e cognome; non sono ammessi nickname, iniziali, false generalità.
Commenti offensivi, lesivi della persona o facenti uso di argomenti ad hominem non verranno pubblicati.
In ogni caso ‘incroci on line’ non è responsabile per quanto scritto dai lettori nei commenti ai post.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: