incroci on line

Archive for dicembre 2015

Vittorino Curci, Verso i sette anni anch’io volevo un cane. (Dal diario di un logonauta). Poesie

La Vita Felice, Milano 2015

 

 

 

di Maria Rosaria Cesareo

 

Verso i sette anni anch’io volevo un cane. E allora? Chi non ha desiderato un cane verso i sette anni? Un po’ tutti, diciamolo, c’è chi non ha mai smesso di desiderarne uno. Dunque, cosa c’è di straordinario in questo nuovo titolo di Curci (La Vita Felice, Milano 2015)? Nulla di più banale, consueto, anonimo. Eccola la singolarità: lo straordinario risiede nell’ordinario, in una delle tante frasi raccolte dall’usuale vocabolario quotidiano e raccattata dalla memoria pura e incontaminata di uno scolaro di sette anni: «Primo ottobre nel cortile della scuola. / collane di bambini intrecciano / trame di vendetta […] i nomi potrebbero tornarmi» (giovedì 2). Leggi il seguito di questo post »

rotativa1

di Antonio Lillo

 

Franco Sepe, LA CORNETTA DEL POSTIGLIONE, Plumelia (Bagheria 2014)

Rafael Ángel Herra, SCRIVO PERCHÉ TU ESISTA, traduzione Franco Sepe, Plumelia (Bagheria 2011)

Di sapore fortemente caproniano, a partire dall’epigrafe della raccolta, meglio ancora pregno delle identiche atmosfere dell’ultimo Caproni, in particolar modo quello de Il franco cacciatore o Il Conte di Kevenhüller è questa piccola ed elegante raccolta di Franco Sepe, dal sapore notturno e surreale, in cui in una atmosfera rarefatta, perennemente nebbiosa, si muove la figura ormai canuta, «da santo», di un postiglione, termine arcaico che sta per postino, che annuncia la sua venuta attraverso il suono di una cornetta, prima di consegnare ai loro destinatari le missive in cui si condensano le storie, e dunque le vite, affidategli e di cui è involontariamente accorato testimone e, per certi versi, traghettatore: «Tra le ombre della brughiera/ la mente andava alle barbe folte/ di tinta forte –/ a prima che incenerissero,/ a quando saranno neve.» Si muove così, in questo paesaggio pre-infernale, indistinto fra passato e presente, in un continuo e frammentario gioco della memoria, questo quasi racconto in versi, dall’andamento anche troppo prosastico, se vogliamo, ma di notevole fascino.  Leggi il seguito di questo post »

MICHEL HOUELLEBECQ, CONFIGURAZIONI DELL’ULTIMA RIVA

BOMPIANI, MILANO 2015

 

 

di Alida Airaghi

 

Non avendo mai letto un romanzo di Houellebecq, avendo visto solamente il film tratto dal suo libro Le particelle elementari, e seguito piuttosto distrattamente le polemiche sul suo anti-islamismo, forse non è stata un’ottima idea approcciare la sua produzione letteraria attraverso le poesie appena pubblicate da Bompiani. Perché queste Considerazioni dell’ultima riva mi sono parse piuttosto banali, sia dal punto di vista contenutistico sia formalmente. Leggi il seguito di questo post »

logo dante 2

 

  

 

 

Dante-etichette

Il festival ‘Dante, l’immaginario’, ideato e diretto da Daniele Maria Pegorari, si è svolto a Bari (Anteprima 3 ottobre 2015, 1-30 novembre 2015).

Nel quadro degli eventi nazionali organizzati per il 750° anniversario della nascita di Dante, il Festival ‘Dante, l’immaginario’ ha costituito un contributo originale e ambizioso che ha messo insieme arte e ricerca, festa e riflessione.
Dopo un’anteprima che si è tenuta nella Basilica di S. Nicola sabato 3 ottobre, dal 1 al 30 novembre 2015 è stato offerto un intero mese di appuntamenti, 19 occasioni per scoprire la vitalità del primo grande poeta nazionale nell’immaginario contemporaneo, fra Letteratura italiana e straniera, Lingua e Dialetto, Cinema e Teatro, Musica classica e leggera, Educazione e Arti visive, Filatelia e Pubblicità: 7 incontri con scrittori provenienti da tutta Italia, 2 mostre di pittura, scultura e libri, 4 eventi cinematografici e teatrali, 2 concerti, 2 progetti di educazione alla lettura e alla cittadinanza e 3 sessioni di studi.

I momenti artistici e culturali si sono svolti coinvolgendo diversi luoghi della città di Bari, come il Salone delle Muse del Palazzo Petruzzelli, il “Palazzo delle Poste” dell’Università, la Mediateca Regionale, la Sala Mediterraneo del Liceo Classico “Orazio Flacco”, la Biblioteca dei Ragazzi di Parco 2 Giugno, il Teatro Abeliano e persino esercizi commerciali e luoghi pubblici in cui si sono tenuti reading diffusi e happening, anche in modalità flash-mob.

L’ampio raggio d’interesse e l’elevato contenuto scientifico e creativo del Festival gli ha meritato l’accoglimento nel calendario delle Celebrazioni dantesche 750° e il patrocinio di alcuni prestigiosi istituti di ricerca e formazione locali e nazionali.

Brochure del festival ‘Dante, l’immaginario’: clicca qui

* * *

Galleria: foto e video degli eventi del festival 

 

Anteprima del Festival – Sabato 3 ottobre 2015, Bari, Basilica di San Nicola

 Fatti non foste a viver come bruti / Vito Signorile legge l’Inferno

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Reading diffusi (a cura di Laboratorio teatrale CUTAMC e di Compagnia dei giovani del Teatro Abeliano)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Leggi il seguito di questo post »


«incroci» - semestrale di letteratura e altre scritture

direzione: Lino Angiuli • Raffaele Nigro • Daniele Maria Pegorari.

Acquisto e Abbonamento

Una copia: euro 10,00
Abbonamento annuale: euro 18

Modalità di acquisto:
- dal sito dell'editore (http://www.addaeditore.it/)
- versamento sul c.c. postale n. 10286706
intestato a: Adda Editore, via Tanzi, 59 - 70121 Bari

il nuovo numero di incroci

eventi: Dante, l’immaginario

disclaimer

Il blog ‘incroci on line’ non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità: per questo non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità degli articoli è dei rispettivi autori, che ne rispondono interamente.

Alcune immagini pubblicate nel blog sono tratte dal Web: qualora qualcuna di esse fosse protetta da diritto d’autore, vi preghiamo di comunicarcelo tramite l’indirizzo incrocionline@libero.it, provvederemo alla loro rimozione.

Al lettore che voglia inserire un commento ad un post è richiesto di identificarsi mediante nome e cognome; non sono ammessi nickname, iniziali, false generalità.
Commenti offensivi, lesivi della persona o facenti uso di argomenti ad hominem non verranno pubblicati.
In ogni caso ‘incroci on line’ non è responsabile per quanto scritto dai lettori nei commenti ai post.